Gruppo di GRASSOBBIO

Asst Papa Giovanni XXIII

Asst Papa Giovanni XXIII

Il 22 novembre 1972 agli allora Ospedali Riuniti di Bergamo venne effettuato il primo prelievo di rene da donatore cadavere.
La commemorazione del nobile gesto si terrà all’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo nel pomeriggio di sabato 26 novembre 2022 alle 16. L’intento dell’Aido provinciale di Bergamo non è di focalizzarsi solo sul passato, ma partendo proprio dal ricordo, intende adoperarsi per educare la comunità e soprattutto le nuove generazioni, alla consapevolezza della solidarietà, al valore del dono, alla cultura della corresponsabilità.
Cliccare sull’immagine a fianco per leggere l’articolo pubblicato su L’Eco di Bergamo.

FacebookTwitterGoogle+LinkedInAOL MailBlogger PostGoogle GmailYahoo MailCondividi
Luigi Gentili

Luigi Gentili

Luigi Gentili nell’articolo di L’Eco di Bergamo racconta di aver superato due volte la leucemia e sottolinea l’importanza del dono di midollo osseo per salvare altre vite.
Di seguito un estratto dell’articolo, che può essere letto cliccando sull’immagine a fianco. 
“…il 13 marzo del 2019 è arrivato il momento del trapianto: «Non so chi sia la persona che mi ha salvato, so che è una giovane donna, ma non ho idea della sua nazionalità o professione.
Se potessi in qualche modo raggiungerla, vorrei ringraziarla, perché mi ha salvato la vita.
Il trapianto è durato tre ore, si è svolto in modo molto semplice, e ho passato quei momenti con un forte senso di gratitudine. 
Qualcuno è ancora convinto che la donazione del midollo comporti pratiche invasive, ma non è così. Si svolge in modo praticamente analogo a una donazione di sangue, e può salvare una vita, come è successo a me». Per questo, osserva Luigi, è così importante l’azione di associazioni come l’Admo…”

A fianco il link per visitare il sito dell’ADMO https://www.admolombardia.org/provincia/bergamo/

Firenze

Firenze

Per la prima volta al mondo è stato donato a scopo di trapianto un organo da una  persona ultracentenaria. Il prelievo, che non ha precedenti documentati  in letteratura scientifica, è stato effettuato all’Ospedale San Giovanni di Dio di Firenze la scorsa settimana su una donna deceduta a 100 anni, 10 mesi e 1 giorno: il suo fegato , con il via libera dei coordinamenti operativi del Centro regionale trapianti della Toscana e del Centro nazionale trapianti, è stato giudicato idoneo e trapiantato con successo in una persona in lista d’attesa presso l’Azienda ospedaliero-universitaria di Pisa.
Per leggere il comunicato pubblicato dal Centro Nazionale Trapianti del Ministero della Salute, cliccare sull’immagine.

Logo CNT ISS Ministero della Salute

Logo CNT ISS Ministero della Salute

“L’età media dei donatori sta salendo per via dell’aumento dell’aspettativa di vita ma soprattutto grazie a una sempre maggiore capacità della rete trapiantologica di utilizzare con successo organi anziani, mantenendo standard qualitativi e di sicurezza molto elevati anche in questo tipo di trapianti”, commenta il direttore del Centro nazionale trapianti Massimo Cardillo. “In particolare, il fegato può mantenere una funzionalità ottimale anche in età molto avanzata e questo consente prelievi anche da persone ultranovantenni.
Purtroppo spesso le persone più anziane sono erroneamente convinte di non poter donare gli organi per ragioni anagrafiche e per questo, al momento del rinnovo della carta d’identità, si astengono o registrano un’opposizione al prelievo: nel 2021 il tasso di opposizione tra gli ultraottantenni si è attestato al 61,7% contro il 31,1% della popolazione generale. “Il caso di Fabriano – conclude Cardillo – è la testimonianza che tutti possono dare il consenso alla donazione degli organi, a prescindere dalla propria età: è importante informare correttamente le persone più anziane, perché anche il loro sì può consentire di salvare la vita di un paziente in attesa di trapianto.
Cliccare sul logo del centro nazionale trapianti per leggere l’intero comunicato.

 

AIDO Fluo Walk

AIDO Fluo Walk

Monica Vescovi, la prima a credere nell’evento: «Serata splendida e coinvolgente grazie al dj Stefano Motti e all’agenzia di animazione FunLab, con i tre trampolieri con ali fluo. E poi i truccapersone, i palloncini con ogni forma possibile di animale e, non ultimo, Giustino Comi, animatore instancabile delle feste Aido…
«Vogliamo che questa camminata speciale sia un punto di ripartenza per Aido. È necessario, dopo lo tsunami Covid, farla tornare l’associazione di un tempo, piena di gioia e di entusiasmo per portare alto il valore irrinunciabile del dono della vita.».

Per leggere i dettagli riportati su l’Eco di Bergamo cliccare sull’immagine a fianco.